Sabato, 22 Giugno 2024

Cinque località turistiche legate a Vasil levski

Vasil Levski, è uno dei personaggi storici tra ipiù importanti per i bulgari. Il 150 ° anniversario della sua tragica morte è un'occasione per rendere omaggio a questa luminosa icona bulgara visitando alcuni dei luoghi più emblematici legati alla sua vita e alle sue attività rivoluzionarie ed educative.

Cominciamo con la sua città natale di Karlovo


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel cuore della città bulgara di Karlovo, troviamo un piccolo edificio a un piano con un cortile cosparso di fiori. Vasil Kunchev, soprannominato Levski, nacque qui il 18 luglio 1837. La casa fu costruita nel XVIII secolo da suo nonno Kuncho Ivanov ed è composta da una camera da letto, un soggiorno, un ripostiglio, un laboratorio e un negozio di vernici. Negli anni della Liberazione, invece, l'edificio fu abbandonato e crollò. Successivamente è stato restaurato, insieme al cortile acciottolato, alla fontana e al recinto. Oggi chiunque può visitare questo luogo iconico, vedere le piccole stanze con armadi in legno e sgabelli a tre gambe dove l'Apostolo trascorse i suoi primi anni. I visitatori possono anche conoscere le sue foto originali, oggetti personali e documenti.

Lovech - una tappa obbligatoria sul sentiero Levski

Museo Vasil Levski - Loveč
 

Questo è il luogo in cui si trovava il "quartier generale" dell'Organizzazione Rivoluzionaria Interna da lui creata. Qui il Diacono ha trascorso molto tempo insieme e la città è segnata dalla sua presenza. Al giorno d'oggi, i visitatori della città si fermano al Centro di informazioni turistiche dove possono ottenere la mappa "Sulle orme dell'Apostolo".

 

"Il più grande museo dedicato a Vasil Levski è a Lovech, con il maggior numero dei suoi effetti personali, così come il suo monumento più grande, alto 14 metri", ci dice Stanislav Stoychev del comune di Lovech. Attraversando il famoso ponte coperto si può vedere un plastico della città, dove si trova il più piccolo monumento all'Apostolo. Levski ha cantato nel coro della Chiesa dell'Assunzione, proprio accanto al museo. Qui ci sono anche le case dei rivoluzionari bulgari Hristo Tsonev-Latinetsa e Maria e Nikola Sirkovs e Levski vi si nascondeva dagli ottomani”.

Visita il monastero di Troyan e il nascondiglio di Levski

Monastero di Troiano 

Vasil Levski soggiornò spesso nel monastero, dove stabilì l'unico comitato rivoluzionario monastico in Bulgaria. Oggi, al secondo piano del monastero, si può vedere una collezione museale dedicata al movimento di liberazione nazionale bulgaro, ma non solo.

"Il nascondiglio di Vasil Levski era su questo piano perché da qui si vedeva tutta la strada in lontananza, quindi se c'era qualche minaccia in arrivo potevano reagire in tempo", dice Desislava Docheva, un'impiegata del monastero.

Nei giorni precedenti la sua cattura, i monaci sollecitarono invano l'Apostolo a rimanere nel monastero, a causa delle intense ricerche condotte su di lui dalle autorità ottomane, ma Levski fu fermo nella sua decisione.

Kakrina Inn, dove è stato catturato Levski, è ora un museo

Locanda Kakrina
 

Il 27 dicembre 1872, dopo un tentativo di sfondare l'imboscata delle autorità ottomane, Levski fu ferito e catturato nella locanda di Kakrina. Fu incatenato e portato su una carrozza trainata da cavalli. La locanda fu successivamente abbandonata e successivamente bruciata e distrutta. Ma nei primi decenni del XX secolo, i bulgari patriottici lo restaurarono. Nel cortile del museo è stata inoltre collocata una lapide commemorativa dedicata all'Apostolo della Libertà

La detenzione di Vasil Levski

Il museo della prigione a Veliko Tarnovo
 

Dopo che Levski fu catturato dalle autorità ottomane, fu portato in una prigione a Veliko Tarnovo e gettato in isolamento, dove rimase per quattro giorni. Durante questo periodo, è stato interrogato tre volte da un tribunale straordinario. Al giorno d'oggi, l'ex carcere funziona come un museo. I turisti possono vedere la cella in cui fu imprigionato il diacono, le catene originali in cui era incatenato, nonché oggetti inestimabili legati alle attività rivoluzionarie ed educative del più amato eroe nazionale bulgaro.

 

PER COLLABORAZIONI ED INFO

info@bulgariaoggi.net
redazione@bulgariaoggi.net