Lunedì, 22 Luglio 2024

Peyo Yavorov: Il genio della poesia bulgara

Peyo Totev Kracholov (meglio conosciuto come Peyo Yavorov ) è nato a Chirpan il 13 gennaio (1 gennaio vecchio stile) 1878. È uno dei poeti bulgari più notevoli del XX secolo: un simbolista, un rivoluzionario la cui vita tragica e profonda spiritualità indubbiamente influenzò la sua opera poetica. Il modo drammatico di percepire il mondo, la disperazione e i dubbi che dilaniano l'uomo e non gli danno pace sono presenti nelle poesie di Yavorov . Presenta la mentalità dell'uomo moderno che si rende conto che gli manca il senso di stabilità e libertà, per questo è alla continua ricerca di se stesso, vivendo con la consapevolezza di non riuscire a trovare i punti di riferimento che diano senso alla sua esistenza.

La poesia di Yavorov , simbolista e metafisica, intrisa di angoscia per “le eterne questioni che nessun secolo ha risolto” , sembra rappresentare tutta la sofferenza raccolta nell'animo bulgaro . Le immagini e i motivi principali dei suoi testi sono la morte, la sofferenza, l'amore, la solitudine e la strada. Il poeta, attraverso il suo incommensurabile talento e il suo animo sensibile, riesce a catturare questi colori oscuri e a trasformare il dolore nel modo più bello possibile. Il genio Yavorov è un poeta di livello mondiale che riesce a scuotere chiunque tocchi la sua scrittura.

 

Alcune delle opere più significative e capolavori letterari della letteratura bulgara scritti da Yavorov sono: “Градушка” (“Tempesta di grandine”), “Калиопа” (“Calliope”), “Нощ” (“Notte”), “Песен на песента ми” ("Canto della mia canzone"), "Песента на човека" ("Il canto dell'uomo"), "Шепот насаме" ("Sussurro solo"), "Тома" ("Toma"), "Маска" ("Maschera" ), “Да славим пролетта” (“Lodiamo la primavera”), “Покаяние” (“Pentimento”), “Нирвана” (“Nirvana”), “В часа на синята мъгла” (“Nell'ora del cielo Nebbia") . Anche i suoi capolavori d'amore sono insuperabili: “Две хубави очи” (“Due occhi adorabili”), “Стон” (“Lamento”), “Не бой се и ела” (“Non aver paura e vieni”), “Вълшебница” (“Maga”), “Ще бъдеш в бяло” (“Sarai vestita di bianco”), “Пръстен с опал” (“Anello opale”), “Обичам те” (“Ti amo”), “Благовещение” ( "Annunciazione").

Yavorov è cresciuto come un bambino debole e timido. Ha iniziato la scuola nella sua città natale e poi ha studiato alla scuola media locale. Dopo il terzo anno si trasferisce a Plovdiv, dove studia fino al quinto anno delle superiori. Suo padre lo mandò a imparare un mestiere, credendo che non avesse bisogno di studiare. Yavorov non finì la scuola e rimase profondamente deluso dalla decisione di suo padre. Tuttavia, continuò a istruirsi per tutta la vita e rimase affascinato anche dalla letteratura socialista. Dal 1897 al 1901 lavorò come telegrafista, cambiando diverse località: Chirpan, Stara Zagora, Sliven, Straldzha, Pomorie, Sofia.

Fu testimone di una grandinata nella regione di Sliven, che influenzò la stesura del poema “Градушка” (“Ave”), che può essere attribuito al “primo periodo” della sua opera, vale a dire il periodo sociale (“il secondo periodo” è il cosiddetto “moderno/simbolista”, influenzato dal simbolismo francese). Durante il suo lavoro incontrò gli armeni che erano stati esiliati dall'Impero Ottomano. Come racconta Katya Zografova nel suo libro “I mondi di Yavorov ” – “il tema del destino dei coraggiosi sofferenti era maturato da molto tempo nel poeta” . Alla fine del 1899, Yavorov terminò il suo capolavoro poetico “Armeni” . L'occasione per scriverlo fu un incidente accaduto in un piccolo pub alla stazione di Skobelevo, dove fu testimone delle disgrazie dei coloni armeni in Bulgaria. La poesia costruisce un'immagine generalizzata dei sofferenti cacciati dalla loro patria.

Dopo il 1897 stabilì contatti con l'Organizzazione Rivoluzionaria Interna della Macedonia. Yavorov fu uno dei più stretti collaboratori e compagni del primo leader e combattente per la libertà della Macedonia - Gotse Delchev e il suo primo biografo come scrisse - "Gotse Delchev" nel 1904. Un forte colpo mentale gli fu inferto dopo la morte di Gotse Delchev nel 1903, dopo di che fu parzialmente separato dalle sue attività rivoluzionarie.

Nel 1898 iniziò a inviare poesie al dottor Krastev dalla rivista letteraria “Thought” (“Misal”), che le pubblicò. Tuttavia, il poeta fu ribattezzato perché gli editori ritenevano che il nome Kracholov non fosse adatto a poesie così belle. Pertanto, Pencho Slaveykov gli ha dato lo pseudonimo di Yavorov .


Il circolo del "Pensiero" (Misal), Pencho Slaveykov, Peyo Yavorov , Petko Todorov, Dr. Krastyo Krastev

Con l'assistenza del dottor Krastyo Krastev e Pencho Slaveykov, Yavorov si trasferì a Sofia e divenne socio ed editore della rivista letteraria "Thought" da loro pubblicata. La sua prima opera, che colpì molto gli esteti del circolo del "Pensiero" e ne divenne parte integrante, fu la poesia "Calliope" . Nel 1901 pubblicò la sua prima raccolta di poesie intitolata "Poesie" , che divenne un evento letterario emblematico. La seconda edizione del libro è del 1904 e ha una prefazione di Pencho Slaveykov. Durante questo periodo, il poeta lavorò come bibliotecario e successivamente come drammaturgo al Teatro Nazionale. Il frutto del suo lavoro in teatro sono due commedie: "Alle gonne di Vitosha" (1910) e "Quando colpisce il tuono, come svanisce l'eco" (1912). Inviato più volte all'estero per migliorare la sua letteratura: a Nancy, Ginevra, Vienna, Parigi, Yavorov leggeva diligentemente la poesia francese moderna. Nel 1905 divenne amico intimo di Dora Gabe. Adattarsi alla vanità e alla povertà dei costumi letterari e secolari della capitale si rivelò piuttosto impegnativo per lui

 

L'amore nella vita e nell'opera del poeta

Due donne hanno occupato un posto centrale nella vita e nell'opera di Peyo Yavorov : Mina Todorova e Lora Kavarvelova. Nel 1906 il poeta si innamorò della sedicenne Mina, sorella di Petko Todorov. Era una ragazza estremamente modesta e fragile, dotata di un'anima meravigliosa, che affascinò per sempre Yavorov. Ha dedicato le sue poesie "Due occhi adorabili", "Annunciazione" e "Incantatrice" . Tuttavia, il loro amore era impossibile, a causa della riluttanza dei parenti della ragazza a collegare la sua vita con quella di Yavorov . Per lui l'amata era un angelo, un bambino, un desiderio e un sogno. Era irraggiungibile, luminosa e sublime, e l'amore che provava per lei era profondo, puro e sincero. Mina Todorova morì di tubercolosi in un sanatorio e fu sepolta a Parigi, in Francia. Nel 1910, durante uno dei suoi viaggi, Yavorov le mandò il suo addio. Dopo aver perso Mina, cadde in una grave depressione.

“Due occhi adorabili. L'anima di un bambino
In due occhi adorabili - musica - alba.
Non vogliono e non promettono nulla...
prego per la tua anima",

"Due occhi adorabili"

"Due хубави очи. Душата на дете
в две хубави очи; -musica – лъчи
Ne иskat и не обещават te...
Душата ми се моли, "

“Две хубави очи”

A Parigi, sulla tomba della sua amata, Lora Karavelova trovò Yavorov. Ha confessato i suoi sentimenti per lui ed entrambi hanno iniziato a vivere insieme a Sofia. Nel 1912 i due innamorati si sposarono poco prima che Yavorov partisse per il fronte a Kyustendil. Lora era ricca e ribelle, la figlia dell'ex primo ministro Petko Todorov. Sviluppò una gelosia paranoica e fu incline all'isteria. La corrispondenza tra i due testimonia l'amore ardente e tempestoso tra loro, segnato da molteplici passioni ed eccitazioni. A Lora il poeta dedicò la sua poesia "Lamento" . Per l'eroe lirico, l'amore era peccaminoso e appassionato, associato al dolore infernale, e la sua anima fu ferita da tale esperienza. La fine fatale arrivò il 29 novembre 1913, quando Lora si sparò e Yavorov tentò il suicidio (lasciò un necrologio di una riga: "La mia cara Lora si sparò. La seguirò" ). Il colpo ha solo perforato la tempia e lo ha accecato. Abbandonato da tutti e schiacciato dal processo, il 29 ottobre 1914, il poeta prese una grossa dose di veleno e si sparò. L'unico desiderio di Yavorov era quello di essere sepolto con i suoi abiti cetnici (rivoluzionari). Sebbene il poeta abbia lasciato questo mondo, il segno che ha lasciato nella letteratura bulgara rimane eterno. Ed è per questo che è un bulgaro che dovresti conoscere.

fonte novinite

PER COLLABORAZIONI ED INFO

info@bulgariaoggi.net
redazione@bulgariaoggi.net