Lunedì, 22 Luglio 2024

Celebrazione di Ivan Milev: un pittore onorato sulla banconota da 5 leva della Bulgaria

Ivan Milev Lalev era un pittore e scenografo bulgaro considerato il fondatore della Secessione bulgara e un rappresentante del modernismo bulgaro , che combinava simbolismo, Art Nouveau ed espressionismo nel suo lavoro. Viene definito “l'artista più bulgaro ”. Milev è stato ispirato dalla vita quotidiana delle persone, dalle canzoni popolari, dalle leggende e dai costumi del suo paese. Nacque nel cosiddetto quartiere 'Karnе nska mahala' a Kazanlak il 19 febbraio (3 marzo nuovo stile) 1897 nella famiglia del pastore Milyu Lalev e della casalinga Maria Ivanova. Il percorso dell'artista è iniziato nella sua città natale Kazanlak, purtroppo rimane poco conosciuto tra i suoi concittadini, e anche tra i suoi connazionali.

Nonostante sia cresciuto in condizioni di estrema povertà, l'infanzia e la giovinezza di Ivan Milev sono state caratterizzate da resilienza e determinazione. Invece di soccombere alle sue circostanze, amava i suoi dipinti ed era riluttante a venderli, rifiutandosi di diventare solo un altro commerciante. "È difficile sentirsi un re e vivere come un mendicante!" - Milev lo ha detto più volte ai suoi amici. Alcuni di loro hanno cercato di trovare una spiegazione a questa contraddizione nei suoi dipinti. Da un lato amava i poveri, dipingeva rappresentanti dei poveri, dall'altro portava in molti dei suoi dipinti uno splendore incredibile e uno sfarzo orientale.

Il lavoro di Milev ha lasciato un segno significativo nella cultura e nell'arte bulgara . È autore di poesie e prosa. Non è un caso che sia stato scelto tra i bulgari più onorati, i cui ritratti vediamo sulle banconote in lev.

Ivan Milev ha iniziato a dipingere da scolaro. Ha terminato l'ultimo anno della Scuola Pedagogica di Kazanlak ma non si è diplomato. Il suo insegnante di disegno era l'artista Zahari Zhelev. Dipinse attivamente i dintorni della sua città. Nell'autunno del 1916 fu mobilitato e arruolato nell'Aeronautica Militare.

Nel 1917 fu soldato sul fronte rumeno. Il 18 novembre dello stesso anno, durante una licenza, inaugura una mostra personale di due giorni a Kazanlak. Fu smobilitato nel 1918 e l'anno successivo si diplomò al liceo della sua città natale. Ha lavorato come insegnante nel villaggio di Korucheshme, nella regione di Haskovo dal 1919 al 1920. Questo periodo si rivelò importante per il lavoro dell'artista. La sua anima romantica trovò ricco materiale per i soggetti tra gli ingenui abitanti dei villaggi, soggetti a leggende e fiabe.

Nel 1920 fu ammesso all'Accademia Nazionale delle Arti di Sofia. Nel 1920-1922 seguì il corso generale e dal 1922 al 1925 passò al dipartimento di decorazione sotto la guida del professor Stefan Badjov. Durante gli studi ha realizzato tre mostre personali. Ha collaborato con il quotidiano Risata Rossa (Червен смях, Cherven smyah) come illustratore e caricaturista. Nel 1922 disegnò le copertine dei libri " Смърт "(La Morte) di Vladimir Polyanov, "Il crisantemo blu" (" Синята Хризантема ") di Svetoslav Minkov, "Fantasie" di Edgar Allan Poe, "L'orrore" di Hans Heinz Evers. e altri pubblicati da Ed. Argo. Ha realizzato la copertina e illustrato la raccolta di poesie di Lamar "Arena", pubblicata da “Т. F. Chipev“. Nell'agosto 1923 visitò Costantinopoli, Atene, Corfù, Napoli, Roma, Firenze e Venezia con un gruppo di compagni di studio. Conobbe da vicino le conquiste del Rinascimento e del Barocco italiano. Nel gennaio 1924, insieme a Ivan Penkov, realizzò la scenografia di "Colui che schiaffeggia" ("Тоз, който удря плесници") di Leonid Andreev al Teatro Nazionale, per il quale disegnò anche altre produzioni. Il 29 giugno 1925 ricevette dall'Accademia delle Arti un certificato di completamento di un corso completo con il massimo dei voti, specialità "Decorazione".

Nello stesso anno (1925) ricevette il Premio Statale d' Arte per l'opera "Re Marco". Andò a Vienna per curare la sua fragile salute. Al suo ritorno sposò la giovane e talentuosa cantante lirica Katya Naumova e l'anno successivo (1926) nacque la sua unica figlia Maria. Il 25 gennaio 1927 l'artista morì improvvisamente di influenza, appena tre settimane prima di compiere trent'anni.

Dopo la sua morte, avvenuta il 27 febbraio 1927, fu organizzata una mostra postuma presso la Galleria Trapkova di Sofia. In occasione del centenario della sua nascita, nel maggio-giugno 1997 è stata organizzata una mostra retrospettiva presso la Galleria d'arte nazionale e la Galleria d'arte di Kazanlak.

Milev è un maestro della tecnica della tempera e dell'acquerello nelle belle arti bulgare . Non è estraneo ai temi sociali. Il suo stile decorativo straordinariamente distintivo fu influenzato dal moderno secessionismo dell'epoca in Europa, ma era più legato alle tradizioni popolari e alla pittura di icone. Il suo ritratto di Anna Kamenova del 1924 è in stile Secessione e si distingue per lo sfarzo decorativo, la stilizzazione e i dettagli esotici.

Le opere di Ivan Milev sono conservate nella Galleria d'arte nazionale , nella Galleria d'arte della città di Sofia e nella Galleria d'arte di Kazanlak .

Trenta opere dell'artista furono lasciate dalla moglie dopo il bombardamento di Sofia nel caveau della Banca Commerciale (BNB, DSK). Tra questi ci sono alcuni dei suoi dipinti più belli del periodo più maturo (1925-1927). Quando nel 1957 i suoi parenti vollero ritirarli in occasione di una mostra in occasione del trentesimo anniversario della sua morte, si scoprì che i dipinti erano scomparsi. Il loro destino rimane sconosciuto, si presume che alcuni di loro siano fuori dalla Bulgaria. I trenta dipinti furono documentati nel 1937 da Evdokia Peteva-Filova in una monografia nel decimo anniversario della sua morte.

Banconota da 5 BGN

L'immagine di Ivan Milev è raffigurata sulla banconota da 5 Leva (emissione 1999-2009). Sullo sfondo sono incastonati dettagli del dipinto " L'arte e la corona di spine" ( "Изкуството и тръненият венец" ), motivi decorativi di altre opere dell'artista, estratti delle sue lettere e un monogramma di un poster per la sua prima mostra tenutasi nel 1925 a Sofia.

Sul retro della banconota sono presenti frammenti dei dipinti "Жетварка" (Raccolta), "Българска мадона" ( Madonna bulgara ) e "Змейова сватба" (Nozze del serpente).

fonte novinite

 

PER COLLABORAZIONI ED INFO

info@bulgariaoggi.net
redazione@bulgariaoggi.net