Sabato, 20 Aprile 2024

Mariya Gabriel si difende dalle accuse legate ai disordini politici in Bulgaria

Le tensioni divampano nella politica bulgara mentre Mariya Gabriel , la candidata GERB a Primo Ministro, chiede scuse per gli insulti e gli epiteti percepiti rivolti a lei. Intervenendo ad una conferenza parlamentare, Gabriel ha espresso il suo malcontento, sottolineando che si è astenuta da comportamenti simili per nove mesi e si aspettava il riconoscimento della sua adesione alle norme costituzionali.

Mi aspetto le scuse per gli epiteti e gli insulti. Sono 9 mesi che non mi permetto niente del genere. Così andrà avanti. Mi aspetto le scuse perché non ho violato la Costituzione. È stato emanato il decreto per la nomina del primo ministro. Riguardo Signori ministri, vi ricordo che tutti i ministri ancora in carica anche se dimessi si sono impegnati 9 mesi fa per un periodo di 18 mesi. È loro diritto fare ricorso ma a questo punto può essere interpretato in modo diverso. Continuo credere che la Bulgaria ha bisogno di un governo, che il paese ha bisogno di stabilità, che abbiamo bisogno di un governo di responsabilità condivisa. In esso i due partner, GERB E WCC-DB, dovrebbero essere su un piano di parità. Lavoriamo in una squadra di cui vi fidate e Penso che ora sia il momento in cui tutti noi dobbiamo continuare a dimostrare la nostra responsabilità nei confronti della Bulgaria ", ha affermato Mariya Gabriel durante un briefing al parlamento.

Solo un mese fa, il signor Petkov e io abbiamo parlato dei cambiamenti nell'ufficio ", ha osservato Borissov.

Il primo ministro dimesso Nikolai Denkov ha dichiarato alla BTV di avere fiducia nel vice primo ministro e ministro degli affari esteri Mariya Gabriel , anche se ieri ha annunciato la composizione del gabinetto, che non è d'accordo con il WCC-DB. Ha chiesto la ripresa dei colloqui governativi per ripristinare la fiducia tra le due forze politiche. " Se è pronta, dovrebbe tornare al tavolo delle trattative. |Questa è l'unica opzione che può farci uscire positivamente dalla situazione attuale. Spero ancora che la ragione prevalga, abbiamo altri cinque giorni per concludere le trattative in "In modo sensato. No , tuttavia sono sicuro che gli altri politici del WCC-DB sono pronti a fare un passo del genere. L'unico modo è tornare sulla strada giusta della ricerca del consenso. Se qualcuno deve andare in quella direzione , non siamo noi. Sono le persone dall'altra parte ", ha aggiunto Denkov.

Il primo ministro dimesso ha anche spiegato come si è arrivati ​​a includere nella composizione del governo proposto da Gabriel persone di cui il WCC-DB non era stato informato. " Ho saputo che esiste un elenco dei nomi dei ministri dai media quando è stato presentato alla presidenza. Prima di ciò, e in una conversazione personale con la signora Gabriel e durante i negoziati, le abbiamo chiesto esplicitamente se non avrebbero introdotto nomi su cui non eravamo d'accordo. Lei ha risposto: 'Non succederà, non sarò io' ", ha spiegato Denkov.

Le dichiarazioni di rifiuto rilasciate ieri violano il nostro accordo secondo cui questi uffici lavoreranno a rotazione per 18 mesi per chiedere il loro consenso. E guardandoli, non hanno smesso di viaggiare all'estero, pensando di aver finito, né hanno smesso di prendere decisioni per centinaia di milioni? " . Così il leader del GERB Boyko Borissov ha commentato la decisione di ieri dei ministri nominati da "Continuiamo il cambiamento - Bulgaria democratica" di ritirarsi.

Secondo lui, l'unica disputa riguardava il ministro della Difesa Todor Tagarev. " Abbiamo fatto un compromesso, sai del ministro dello sport, hanno accettato Zhecho Staykov per l'energia, se Rumen Radev diventasse il capo della Bulgarian Energy Holding, quelli sarebbero stati gli unici momenti controversi ", ha aggiunto Borissov.

In occasione del briefing di ieri, ha espresso sorpresa che in 9 mesi di "Continuiamo il cambiamento - Bulgaria democratica" non abbiano imparato a non usare epiteti. " È già difficile far tornare indietro il partito ", ha riassunto Borissov, senza nascondere di essersi offeso per l'affermazione di Asen Vassilev secondo cui Mariya Gabriel è il nuovo bellissimo volto della mafia.

Chiedo loro di scusarsi immediatamente, sia con il GERB che soprattutto con Mariya Gabriel ", ha detto il leader del GERB. Lui ha chiarito che c'è una via d'uscita, ma tutto dipende da se Mariya Gabriel e il gruppo parlamentare GERB accetteranno eventuali scuse.

La squadra negoziale è stata creata per far accadere le cose, non per incolparli. Ieri abbiamo fatto la stessa cosa che avete fatto voi una settimana fa, dopo che ci hanno sorpreso e ci hanno restituito il mandato ", ha detto anche Borissov.

Le osservazioni di Gabriel e Borisov arrivano all'indomani del suo ritorno al mandato completato per il gabinetto del presidente Rumen Radev . Tuttavia, è emerso che la cartella presentata al presidente non aveva l'approvazione di "Continuiamo il cambiamento democratico della Bulgaria" (WCC-DB) e delle nomine ministeriali proposte.

L’assenza di consenso è diventata palesemente evidente quando alla presidenza si è presentata solo la squadra negoziatrice del GERB, lasciando incontrastata la loro proposta per la composizione del Consiglio dei ministri . Nonostante ciò, il presidente Radev ha provveduto a firmare un decreto, segnalando di fatto l’approvazione della proposta di schieramento ministeriale.

Questa svolta senza precedenti degli eventi ha lasciato il panorama politico bulgaro nello scompiglio, sollevando interrogativi sui potenziali passi successivi. Con il voto parlamentare sulla composizione del Consiglio dei ministri imminente, la nazione si prepara ad ulteriori manovre politiche e all’incertezza.

fonte novinite

PER COLLABORAZIONI ED INFO

info@bulgariaoggi.net
redazione@bulgariaoggi.net