Sabato, 22 Giugno 2024

Niente elezioni? Mariya Gabriel ha restituito il mandato adempiuto (in aggiornamento)

Oggi, Mariya Gabriel , la candidata a Primo Ministro, ha adempiuto al suo mandato presentando oggi, alle 16:15, al Presidente Rumen Radev una cartella completata, in cui è delineato il progetto di composizione del Consiglio dei Ministri.

Mentre i negoziati tra i partiti politici bulgari GERB e "Continuiamo il cambiamento democratico della Bulgaria" (WCC-DB) sono proseguiti nel pomeriggio, c'erano aspettative e speculazioni sull'esito. Nonostante le discussioni in corso, Gabriel ha sottolineato davanti al presidente che entrambi i partiti condividono punti comuni riguardo alle riforme del sistema giudiziario, ai regolatori e alla lotta alla corruzione.

Esprimendo il suo senso del dovere, Gabriel ha sottolineato l'importanza della stabilità nella governance per il progresso della Bulgaria sulle principali priorità nazionali, come garantire l'adesione a Schengen, l'adesione all'Eurozona e la promozione della crescita economica per il benessere delle generazioni future. " Non scenderò a compromessi sui principi della nostra Costituzione, sullo stato di diritto, sulla giustizia e sui valori democratici fondamentali di trasparenza e responsabilità " , ha affermato Gabriel .

Ha sottolineato che affrontare le preoccupazioni economiche e sociali dei cittadini bulgari è altrettanto fondamentale insieme alle riforme normative e agli sforzi anti-corruzione.

Rispondendo alla proposta di Gabriel , il presidente Radev ha indicato che avrebbe immediatamente emesso un decreto e avrebbe presentato la proposta di composizione del gabinetto all'esame dell'Assemblea nazionale.

Elenco completo dei ministri proposti:

  • Primo Ministro e Ministro degli Esteri - Mariya Gabriel
  • Vice Primo Ministro per gli affari europei - Nikolai Denkov
  • Ministro delle Finanze - Asen Vassilev
  • Ministro degli affari interni - Kalin Stoyanov
  • Ministro dello sviluppo regionale - Andrey Tsekov
  • Ministro del Lavoro - Ivanka Shalapatova
  • Ministro della Difesa - Hristo Gadjev
  • Ministro della Giustizia - Atanas Slavov
  • Ministro dell'Istruzione - Galin Tsokov
  • Ministro della Salute - Katya Paneva
  • Ministro della Cultura - Krastyo Krastev
  • Ministro dell'Ambiente e dell'Acqua - Ivelina Vasileva
  • Ministro dell'Agricoltura - Kiril Vatev
  • Ministro dei trasporti - Georgi Gvozdeikov
  • Ministro dell'Innovazione e della Crescita - Rosen Zhelyazkov
  • Ministro dell'Economia - Bogdan Bogdanov
  • Ministro dell'Energia - Zhecho Stankov
  • Ministro dell'e-government - Valentin Mundrov
  • Ministro del Turismo - Zaritsa Dinkova
  • Ministro della Gioventù e dello Sport - Dimitar Iliev

La frazione parlamentare "Continuiamo il cambiamento - Bulgaria democratica" (WCC-DB) si riunirà per deliberare sulla decisione del GERB di proporre un governo.

Rapporti non ufficiali suggeriscono che la coalizione non ha ancora raggiunto il consenso sui candidati ministeriali proposti, né ha finalizzato l’accordo di coalizione, nonostante i negoziati in corso.

Ieri, l'ex primo ministro Nikolai Denkov ha criticato la lista dei candidati ministeriali trapelata dal GERB , citando la presenza di quelli che considera " nomi inaccettabili ". Tra questi nomi, c'è stato un controllo particolare diretto su Zhecho Stankov, che secondo quanto riferito sarebbe candidato all'energia. settore. Stankov aveva precedentemente ricoperto il ruolo di viceministro sotto Temenuzka Petkova nella precedente amministrazione Borissov.

L'accordo di coalizione negoziato negli ultimi dieci giorni dal GERB e dal WCC-DB non è ancora stato firmato. Lo hanno affermato la candidata primo ministro Mariya Gabriel e il membro del suo gruppo negoziale Raya Nazaryan dopo la cerimonia "Dondukov" 2.

In risposta alle domande dei giornalisti sull'accordo, Gabriel ha dichiarato di averlo firmato il giorno prima, come riportato domenica sera dal WCC-DB come motivo principale del ritiro della GERB dall'accordo precedentemente raggiunto.

Nazaryan ha spiegato ulteriormente, spiegando che l'accordo è stato approvato dal copresidente della "Bulgaria democratica", Hristo Ivanov, e firmato sia da Ivanov che da Mariya Gabriel alle 18 di lunedì 18 marzo. Tuttavia, poco dopo, altri leader della coalizione hanno rifiutato di firmare. Sebbene non abbia specificato le persone, tra le persone coinvolte nei negoziati figurano i co-presidenti di "Continuiamo il cambiamento" Kiril Petkov e Asen Vassilev, nonché il leader dei Democratici per la Bulgaria forte Atanas Atanasov.

La GERB ha dichiarato che presto fornirà ai media la versione finale dell'accordo.

Atanas Atanasov ha osservato che c'è accordo riguardo all'azione di Gabriel , esprimendo sorpresa per il risultato. Il primo ministro dimissionario Nikolai Denkov ha sottolineato che il governo proposto rappresenta il GERB e non un governo concordato di comune accordo con il WCC-DB. Ha dichiarato che l'accordo non è stato raggiunto con il loro partito.

Delyan Peevski, co-presidente del Movimento per i Diritti e le Libertà (DPS) ha annunciato che il DPS appoggerà il governo proposto dal GERB. Anche se il sostegno del partito non è cruciale per l'elezione del gabinetto a causa dei voti sufficienti dei precedenti partecipanti al governo, senza ulteriore supporto è inferiore di 15 voti. Peevski ha sottolineato che il sostegno del DPS dipende dall'impegno del governo a servire il popolo e a mantenere le promesse fatte ai cittadini bulgari. Ha sottolineato l'importanza degli sforzi parlamentari in corso per attuare riforme costituzionali e legislative volte a realizzare un'autentica riforma giudiziaria e a combattere la corruzione.

Qual è il prossimo?

Un'ora e mezza dopo il ritorno del mandato , il presidente Rumen Radev ha firmato rapidamente un decreto che raccomandava Mariya Gabriel come primo ministro alla 49esima Assemblea nazionale. Questa informazione è stata trasmessa attraverso un comunicato stampa dell'ufficio del presidente.

Il prossimo passaggio procedurale prevede la pubblicazione del decreto sulla "Gazzetta dello Stato", prevista con un'emissione straordinaria prevista per domani.

Fonti interne al parlamento hanno rivelato che il consiglio presidenziale, un organo informale composto da rappresentanti di tutti i gruppi politici, si riunirà domani per discutere la tempistica del voto di fiducia del governo.

In teoria, il governo potrebbe ottenere l’approvazione già questa settimana. Tuttavia, l’esito dipende da due decisioni cruciali che “Continuiamo il cambiamento – Bulgaria democratica” dovrà prendere:

  • Se la coalizione sosterrà la governance con GERB.
  • Se verranno apportate modifiche alla composizione proposta del gabinetto.

PER COLLABORAZIONI ED INFO

info@bulgariaoggi.net
redazione@bulgariaoggi.net