Lunedì, 22 Luglio 2024

Rayna Knyaginya: l'incarnazione del coraggio e della sfida bulgari

Negli annali della storia bulgara , poche figure brillano tanto quanto Rayna Knyaginya , un nome sinonimo di coraggio incrollabile, orgoglio nazionale e spirito di resistenza contro l'oppressione. Nata Rayna Popgeorgieva Futekova il 6 gennaio 1856 a Panagyurishte, divenne una figura formidabile nella lotta della Bulgaria per l'indipendenza dal dominio ottomano. Questo articolo cerca di svelare la storia di Rayna Knyaginya , una donna la cui eredità è impressa nel profondo del patrimonio bulgaro .

I primi anni di vita di Rayna furono segnati dal fermento culturale e intellettuale della rinascita nazionale bulgara , un periodo caratterizzato da un fiorente senso di identità nazionale e da una fervente spinta per l'autonomia educativa e religiosa dall'Impero Ottomano. Fu in questo contesto che si accese il senso di patriottismo e di dovere di Rayna verso la sua nazione. Educata a Panagyurishte e successivamente nella scuola monastica di Klisura, fu profondamente influenzata dagli ideali di liberazione e autodeterminazione che pervadevano il discorso intellettuale dell'epoca.

Il suo spirito indomabile trovò la sua espressione più profonda durante la rivolta di aprile del 1876, un momento cruciale nella storia bulgara . La rivolta fu una rivolta nazionale contro i cinque secoli di giogo ottomano, e fu qui che il nome di Rayna Knyaginya fu immortalato. Da giovane insegnante a Panagyurishte, Rayna non limitò il suo contributo alla sola sfera intellettuale, ma fu attivamente coinvolta nei preparativi per la rivolta, dimostrando uno straordinario livello di coraggio e impegno.

Il ruolo di Rayna nel cucire la bandiera dei rivoluzionari, che portava l'emblema commovente del leone e il commovente grido di "Libertà o morte", è emblematico del suo contributo al movimento nazionale bulgaro . Questa bandiera, issata a Panagyurishte all'inizio della rivolta di aprile, divenne un simbolo della determinazione e della sfida bulgara . Il coinvolgimento di Rayna in questo atto non è stato meramente simbolico, è stato un chiaro appello che ha radunato molti alla causa della libertà.

Tuttavia, la rivolta di aprile fu brutalmente repressa dalle forze ottomane, provocando atrocità diffuse e la perdita di migliaia di vite bulgare . Le conseguenze della rivolta videro la casa di Rayna a Panagyurishte rasa al suolo dagli Ottomani, a testimonianza della severa punizione inflitta ai rivoluzionari e ai loro sostenitori. Nonostante i rischi, Rayna dimostrò una notevole forza d'animo prendendosi cura dei feriti e cercando aiuto per i suoi connazionali assediati, recandosi persino in Russia per perorare la causa bulgara .

Le ripercussioni della rivolta di aprile furono di vasta portata, attirando l'attenzione internazionale sulla difficile situazione bulgara e gettando i semi per la guerra russo-turca del 1877-1878, che alla fine portò alla liberazione della Bulgaria . I contributi di Rayna Knyaginya durante questo periodo tumultuoso hanno sottolineato il suo ruolo non solo come partecipante al movimento di liberazione nazionale ma come simbolo della resilienza e dello spirito del popolo bulgaro .

Dopo la liberazione, Rayna continuò a servire la sua nazione, dedicando la sua vita all'istruzione e al lavoro sociale. I suoi sforzi nella creazione di scuole e nella promozione dell'istruzione, soprattutto per le ragazze, sono stati determinanti nella ricostruzione post-liberazione della società bulgara . Gli ultimi anni di Rayna furono trascorsi al servizio continuo della sua comunità, un riflesso del suo impegno permanente per il miglioramento del suo paese e della sua gente.

Tanya Doganova-Hristova, discendente di  Rayna Knyaginya , dipinge un quadro vivido della residenza di Rayna a Sofia, immersa in un quartiere impregnato dell'eredità degli eroi della liberazione nazionale . Il viaggio di Rayna verso questa casa in via "Sofroniy Vrachanski" 119 iniziò nel 1898, segnato dalla resilienza in seguito alle sue strazianti esperienze nelle carceri turche e alla sua formazione come ostetrica a Mosca. La tragedia colpì con la morte prematura di suo marito a causa della persecuzione politica, lasciando Raina a crescere da sola i suoi cinque figli e la figlia adottiva, Gina.

Nonostante la lotta contro la tubercolosi ossea avanzata, l'impegno di Raina per la sua vocazione è rimasto irremovibile. Divenne un faro di speranza per innumerevoli donne, aiutando durante il parto in diversi strati sociali, dai ricchi circoli diplomatici agli angoli più poveri di Sofia. I suoi sforzi pionieristici si estesero oltre la camera parto, fondando le prime scuole di educazione sanitaria e conducendo corsi di ostetricia, lasciando un segno indelebile nella comunità.

L'altruismo di Rayna non conosceva limiti. Anche nel suo fragile stato, attraversava instancabilmente la città, spesso appoggiandosi a un bastone come sostegno, per offrire assistenza alle partorienti. I suoi atti di gentilezza non si limitavano al parto; estese le sue cure anche ai meno fortunati, riunendoli attorno alla sua modesta tavola per nutrimento e conforto, servendo spesso piatti semplici come cipolle e fagioli.

Riconoscendo l'eredità duratura di Rayna , il comune di Sofia ha stanziato 700.000 BGN per il restauro della sua casa in via "Sofroniy Vrachanski". Sotto il sindaco Yordanka Fandakova, la ristrutturazione mirava a preservare l'autenticità dell'edificio, garantendo che lo spirito di Rayna continuasse a ispirare le generazioni a venire. Rayna risiedette in questa casa dal 1909 fino alla sua scomparsa nel 1917, lasciando un profondo impatto sulla sua comunità e sulla società in generale.

Il ruolo di Rayna Knyaginya si distingue non solo per i suoi valorosi contributi, ma anche per il fatto straordinario di essere una donna che attraversa e influenza una lotta di liberazione guidata prevalentemente da uomini. Nel contesto del 19° secolo, un periodo in cui le norme e le aspettative sociali limitavano fortemente il ruolo delle donne nella vita pubblica e politica, le azioni di Rayna rappresentarono non solo coraggio personale ma anche una sfida più ampia alle norme di genere del suo tempo.

Vieni, chiamò il pascià turco di Panagyurishte:
- Vai avanti e prendila, Rayna Popgeorgieva.
Vai avanti e prendila Rayna Popgeorgieva.

Non massacratela né impiccatela, ma portatela da me.
Devo chiederle, chiederle e interrogarla, chi ha cucito lo striscione?
Chi ha cucito lo striscione, chi ci ha messo sopra il segno "morte o libertà"?

Andiamo, Rayna Popgeorgieva di Panagyurishte ha gridato:
ho cucito lo striscione, ci ho messo sopra il segno "morte o libertà".
Puoi massacrarmi, puoi impiccarmi, sono Rayna Popgeorgieva. "

- parte di una canzone nazionale bulgara .

La vita di Rayna Knyaginya esemplifica il potere dell'azione individuale nel plasmare il destino di una nazione, e la sua memoria continua ad essere onorata in tutta la Bulgaria come un faro di speranza e di emancipazione. Ed è per questo che è una bulgara di cui dovresti essere a conoscenza.

fonte novinite

PER COLLABORAZIONI ED INFO

info@bulgariaoggi.net
redazione@bulgariaoggi.net